Tonino, l’uomo dietro lo schermo

pubblicato da: - 16 luglio, 2013 @ 8:01 pm

Ho appreso con tristezza come molti, della morte di Tonino Accolla, leggendario doppiatore italiano di Homer Simpson, Jim Carey, Tom Hanks (in alcune occasioni) Mikey Rourke (idem). Così come è stato per tante altre persone che attraverso i suoi doppiaggi memorabilmente professionali hanno riso, pianto e riflettuto, mi è parso quasi di perdere un amico. Accolla è stato uno dei primi doppiatori che ho saputo riconoscere, collegando i suoi film ed i suoi cartoni animati in una specie di filone unico, nel quale inserisco a tutti gli effetti la mia infanzia.

E’ incredibile, si tende a credere che certe cose possano non avere mai fine, che un personaggio dei cartoni animati non possa morire. Eppure è quello che è successo con l’addio di Tonino. Homer Simpson, più degli altri suoi personaggi, nel nostro paese non sarà mai più quello che abbiamo conosciuto. Che poi è buffo, di Tonino come persona fisica non si è davvero mai sentito parlare, anzi, faceva più parte di un gioco immaginario “riconosci la voce” fatto dai cultori del doppiaggio…quelli che come il sottoscritto rimangono a lungo in sala dopo la proiezione di un film per scovare qualche nome famigliare tra i credits. Eppure dopo una vita passata all’ombra dei suoi stessi personaggi, gli italiani lo hanno salutato, in molti casi addirittura conosciuto, per chi era veramente: Tonino Accolla, uno dei più grandi doppiatori di sempre che ora ci guarda da lassù assieme ad Amendola, curioso assieme a lui di vedere che ne sarà del suo homeriano “de-hi-hi-ho”.

Rest in peace.


Lascia un commento

*