Avere un grande “Perché”!

pubblicato da: Massimiliano Vanzo - 9 febbraio, 2014 @ 2:56 pm

PerchéInnanzitutto permettetemi di ringraziare tutti quelli che personalmente, attraverso la mia pagina FB (trovi qui il collegamento) o a mezzo mail (mia.autostima@gmail.com), si sono messi in contatto con me commentando, dibattendo e ponendomi delle domande molto specifiche in merito all’impatto dell’Autostima nella Vita personale.

Entro marzo organizzeremo una serata di sviluppo personale dedicata a questo argomento, con l’idea di condividere e dibattere su questo tema che tanto ci appassiona: l’Autostima.

Prima di passare all’argomento di oggi, vorrei ringraziare anche la mia amica Sabrina, che con certosina pazienza legge e rilegge i miei post, aggiustando i miei errori di ortografia prima di mandarli on line; visto che scrivo di getto, il suo aiuto è doppiamente prezioso.

Bene, passiamo all’argomento di oggi: avere un grande “Perché”!

Una volta ho fatto una bella chiaccherata con una persona che poi è diventata un amico, Alfio Bardolla, famoso financial coach italiano, il quale mi ha detto che le persone raggiungono dei risultati solo per due motivi: perché vanno verso qualcosa o perchè stanno scappando da qualcosa. Cosa intendeva? Intendeva, per esempio, che una persona diventa “ricca” perché va verso il piacere della  ricchezza o lo diventa perchè sta scappando dal dolore dalla povertà.  Queste sono le due forze propulsive che ti spingono a realizzare qualcosa.

Certe conversazioni con persone di maggior esperienza e risultati non hanno veramente prezzo. Ragionandoci ho capito che nel mio caso sono una persona che “scappa da” piuttosto che “andare verso” e questo mi ha aiutato molto nel comprendere le motivazioni di certe mie azioni. Quando ho compreso che tendo a fare le cose per “scappare dal dolore” mi sono costruito, in maniera particolare nell’ultimo anno, una strategia che mi aiutasse ad usare questa leva per alzare la mia Autostima.

Mi sono però accorto di recente, in un interessante scambio filosofico con mio fratello Lorenzo, anche lui appassionato di sviluppo personale, che le persone non sempre scattano solo in base a queste due forze. E abbiamo cominciato a scavare per fare luce su questo grattacapo…dopo qualche settimana la risposta è arrivata: ottime domande, generano sempre ottime risposte (leggi qui)!

Quindi, perchè le persone in difficoltà economica, personale o di salute non fanno nulla per migliorare il loro status? La nostra risposta è stata: non hanno un grande Perché!

The Big Why, il grande Perché. La maggior parte di noi non riesce a lavorare su se stesso per arricchirsi, risolvere i propri casini personali,Perchè big why superman migliorare la propria salute, lo fa solo se identifica un “Perché” più grande che lo spinga ad entrare in Azione. Gli americani la chiamano “mission”, ma  tradotta in italiano perde di significato in quanto ha una connotazione diversa nella nostra lingua.

Alcune buone domande:

  • Qual è il mio G.P. (Grande Perché!)?
  • Se non ce l’ho chiaro come posso metterlo a fuoco o riscoprirlo?

Che si voglia o no, se non abbiamo un G.P. forte la nostra motivazione sarà sempre soggetta ad alti e bassi repentini. I nostri pensieri genereranno azioni e dinamiche che ci porteranno alla frustrazione o, ancora peggio, ad accettare con rilassatezza il semplice scorrere del tempo.

Quindi veniamo a noi: come posso capire il mio G.P.?

A me è stata d’aiuto l’idea della Lampada di Aladino.
Mettiamo caso tu trovassi la lampada di Aladino e che il Genio ti desse l’opportunità di esprimere solo 3 desideri: il primo sarebbe la salute, il secondo i soldi e il terzo desiderio??

Pensaci bene. Se avessi tutta la salute che ti serve, la tua indipendenza economica assicurata, su cosa si concentrerebbe la tua attenzione? Come ti farebbe stare sapere di poter realizzare esattamente ciò che desideri perché i tuoi bisogni primari sono assicurati?
Cosa sceglieresti di fare? Chi sceglieresti di essere? Chi vorresti aiutare? Su chi o che cosa concentreresti la tua attenzione? Pensaci con attenzione…lascia decantare nel Googlemind (leggi qui cos’è) e non accettare la prima risposta ma indaga, esplora.

All’improvviso ci sarà qualcosa che scalda il tuo cuore improvvisamente e sentirai che l’hai trovato: il tuo BIG WHY, il motivo della tua Vita. Da quel momento riceverai una sferzata di energia pazzesca!

Qualcuno di voi mi dirà: ok, ma io non ho trovato la lampada di Aladino!

Errato! Nel momento in cui tu scrivi le 5 cose che non sei disposto ad accettare (leggi qui) hai di fatto trovato la tua lampada di Aladino perché togliendo dalla tua Vita ciò che non vuoi, quello che resta è solo ciò che desideri.

Quindi comincia subito. Analizza il primo punto di cosa non sei più disposto ad accettare e comincia a farti delle domande potenzianti.

Chiediti:

  • come posso essere migliore in questo o in quell’altro?
  • dove voglio essere tra 1 anno, tra 3, tra 5?
  • che condizione economica voglio avere?
  • che forma fisica voglio?
  • che rapporto voglio  con il mio partner?
  • che tipo di rapporto voglio con la mia famiglia?
  • che viaggi voglio fare?
  • ma soprattutto: che persona voglio Essere/Diventare?

Uomo liberoPrendi il tuo diario personale e comincia a scrivere la Vita che ti meriti di vivere. Sii sincero/a con te stesso, non mettere freno alla voglia di trasformare la tua Vita nella Vita che vuoi, quella che ti meriti, quella a cui aspiri.

Se mi domandassi da dove iniziare ti risponderei di iniziare da “mens sana in corpore sano” (vedi qui).

Comincia SUBITO! Non rimandare.

Buon inizio settimana!


Lascia un commento

*