Quando basta una pensilina

pubblicato da: etymoadmin - 10 giugno, 2013 @ 5:08 pm

“Collegare la stazione di piazza Dante con il nuovo ospedale del Trentino (Not) prolungando la tratta della Ferrovia Trento-Malè. Completare così la metropolitana di superficie in grado di servire «su ferro» tutta la città di Trento.  È questo il progetto condiviso da Comune e Provincia, presentato ieri a Palazzo Geremia. “
( articolo Adige )

432014_275412669202977_2049929221_n

Al completamento della metro di Trento manca appunto la costruzione di un nuovo binario, parallelo al corso del fiume Adige, per raggiungere Trento Sud.

Ma come si fa a chiedere di investire 200 milioni per costruire una linea ferroviaria sull’argine di un fiume a 400 metri da una linea ferroviaria esistente ?

come si fa a pensare di mettere una nuova barriera urbanistica proprio dove si sta cercando di recuperare il rapporto della città col fiume ? oppure stanno forse pensano di fare una linea interrata sotto l’argine del fiume ?

Per servire non solo il MUSE ma anche lo stadio, la fiera, il polo universitario di via Inama, il Cimitero, tutto il quartiere Michelin e la zona storica di via Madruzzo, Liceo da Vinci, Via Giusti e Via Perini non serve un nuovo binario lungo il fiume.

Sarebbe più semplice ed economico realizzare OGGI una pensilina di fermata per i treni sulla linea valsugana all’altezza del Molino Vittoria o forse meglio ancora di Via Madruzzo.

Per favore ditemi che sto sognando


Lascia un commento

*